Proprietà dell’argento come antibatterico

06/10/2015  |  Dai 24 ai 36 mesi del bambino

L’uso dell’argento come antibatterico è presente fin dall’antichità.

L’utilizzo in medicina venne abbandonato in seguito alla scoperta degli antibiotici.

Il ritorno del suo impiego in medicina riale ai primi anni ’70,quando fu necessario trovare un antisettico da poter utilizzare su ampie parti del corpo, come nel caso di gravi ustioni.

Si scoprì che l’argento antibatterico stimola profondamente la guarigione della pelle in modo diverso da ogni processo naturale conosciuto e uccide le più pericolose infezioni, compresi batteri e funghi.

Praticamente, per i microbi l’argento è tossico come i più potenti disinfettanti chimici..

Gli organismi nocivi non possono vivere in presenza di tracce, anche se minuscole, di semplice argento metallico.

Attualmente l’argento antibatterico è utilizzato anche dalla Nasa che usa un sistema di purificazione dell’acqua sugli space shuttle,mentre numerose compagnie aeree utilizzano filtri per l’acqua in argento per circoscrivere le infezioni batteriche.

Scopri i nostri prodotti realizzati con l’uso dellargento antibatterico

Download attached document

© Developed by CommerceLab